Qui si parla l’italiano

La Corte d’Appello di Vienna ha negato la protezione come marchio alla parola “NERO” per tè e caffè. Interessante la motivazione: “Visto che l’Italia è un Paese vicino all’Austria, con cui esistono delle relazioni economiche, culturali e turististiche, anche i consumatori austriaci capiscono il significato della parola “NERO” (OLG Wien 34R12/14f).

Sarebbe interessante sapere se si puó estendere questa considerazione alla lingua italiana in generale. O magari anche all´ungherese, visto che l’ Ungheria è un Paese vicino all’Austria, con cui esistono delle relazioni economiche, culturali e turististiche.